Ascoltaci online!
News

Marlene Kuntz a Pescara: concerto annullato

mick jagger studio 5

MARLENE KUNTZ A PESCARA CONCERTO ANNULLATO

La data che prevista per mercoledì 24 Luglio al Teatro D’Annunzio di Pescara è stata annullata in seguito ad una improvvisa tendinite che ha colpito il batterista Luca Bergia. Il concerto verrà recuperato ad Ottobre 2019. Ecco il comunicato ufficiale:

” si comunica che il concerto dei Marlene Kuntz previsto mercoledì 24 luglio al Teatro D’Annunzio di Pescara è stato annullato a causa di un improvvisa tendinite che ha colpito Luca Bergia, batterista della band.”

I Marlene Kuntz stanno celebrando i loro 30 anni di attività con una tournè intitolata Marlenne Kuntz 302010. Un viaggio di quasi 3 ore diviso in due parti, una acustica ed una elettrica in cui verrà risuonato interamente l’album del 1998 “Ho ucciso Paranoia”:

” Partiamo dai concerti doppi, da MK al quadrato. Due concerti per ogni serata: un primo tutto acustico e un secondo tutto elettrico. Per un totale di quasi tre ore di spettacolo. Abbiamo deciso di portare avanti l’esperimento fatto lo scorso ottobre a Milano, quando un pubblico attento ed emozionato ci seguì in queste due nostre dimensioni. Allora fu un esperimento, ora sarà una conferma, assecondando il desiderio di portare in giro per l’Italia la doppia anima che è insita nel nostro stesso nome.

Laddove il concerto acustico sarà un percorso intrigante nell’ambito della nostra intera discografia, pescando fra i pezzi che più si prestano a una rivisitazione di tale natura, nell’elettrico celebreremo il ventennale del nostro terzo disco, Ho ucciso paranoia, suonandolo per intero. Le celebrazioni dei dischi del passato stanno acquisendo per noi un fascino del tutto particolare: è estremamente piacevole e stimolante re-immergersi nelle atmosfere di composizioni pensate e suonate venti anni prima, scoprendo di essere sempre gli stessi musicisti accesi da passioni elettriche mai sopite e mai dimenticate. Un viaggio a ritroso ricco di emozioni che per qualcuno possono anche trasformarsi in nostalgia, ma una nostalgia densa di vitalità positiva e rigenerante.

A seguire… 30 anni di attività. E’ una cifra ragguardevole: quando da giovani iniziò la nostra avventura, più o meno 30 anni fa per l’appunto, mai avremmo osato sperare di incamminarci in un percorso così lungo e duraturo: quello che volevamo fare era un rock urticante e ben poco adatto a molti palati. Ma sapemmo conquistare una fetta di pubblico più grossa del prevedibile, e con essa e grazie a essa siamo arrivati fin qua, orgogliosamente convinti delle nostre visioni, pure e poetiche. ”

 

 

 

NOTIZIE PIU' POPOLARI

Vai su